Esempio di modernismo in Polonia, la Sala del Centenario di Wroclaw/Breslavia è un complesso architettonico realizzato su progetto di Max Berg tra il 1911 e il 1913, in occasione del centesimo anniversario della Battaglia di Lipsia contro Napoleone Bonaparte. La sua cupola in cemento armato fu simbolo di grande innovazione per l’epoca in cui fu costruita, anche perché in quel periodo era la più grande del mondo. La cupola è alta 43 metri e ha un diametro di 65 metri. La sala è realizzata a pianta centrale, ha un pronao semicircolare che definisce la zona d’ingresso e una capienza di 10.000 posti circa. Ancora oggi la costruzione risulta tra i più grandi edifici nel suo genere, e vi hanno sede alcuni eventi sportivi di particolare importanza tra cui le partite della squadra di basket Slask Wroclaw, ma anche mostre e convegni.

Sala del Centenario: un edificio straordinario

L’edificio che ospita la Sala del Centenario è ritenuto uno degli esempi più belli di architettura del 900 in Europa. Anche il famoso storico di Peter Rayner Bahnam ebbe parole di elogio per questa struttura e la definì in questo modo: “la sua struttura in cemento armata deve essere considerata come una delle applicazioni più perfette di questo materiale per i tempi”. Nel 2006 la Sala del Centenario è entrata a far parte della lista del patrimonio mondiale UNESCO e nel periodo da maggio a ottobre offre uno spettacolo unico per la sua fontana multimediale, aperta dalle 10.00 alle 22.00, con spettacoli realizzati con l’uso di laser e scanner.

Sala del Centenario: un’impresa pionieristica

L’impresa pionieristica ha conquistato tutti e ha dato grande lustro alla città di Breslavia che vanta questa eccezionale costruzione con grande orgoglio. Molti abitanti della città chiamano il monumento con l’appellativo di “Sala del Popolo”, che ne periodo del dominio nazista sottolineava l’appartenenza della città tedesca di Breslavia alla Polonia comunista.

Iscriviti alla newsletter di buonivacanza

e ricevi le Offerte Esclusive e Segrete dei Luoghi più Belli in Italia e nel Mondo


Acconsento al trattamento dei dati e all'utilizzo degli stessi
Accetto le Condizioni presenti sull'informativa Privacy come al punto pubblicità

Commenti