Spettacolare paradiso terrestre, l’Isola di Ouvea è un atollo corallino della Nuova Caledonia, situato nel mezzo del Pacifico. L’isola fa parte delle Isole della Lealtà, assieme a Maré, Lifou e Tiga, che si trovano fuori dalla grande laguna patrimonio dell’Unesco che circonda la Grande Terre e l’Isola dei Pini, però anche la piccola laguna di Ouvea è stata inserita nel patrimonio nell’Unesco. La spiaggia presenta una location fantastica composta da una striscia di sabbia bianchissima lunga ben 25 chilometri. A nord e a sud di Ouvea emergono le Pleiadi dei Nord e Pleiadi del Sud, soprannominate così per la loro somiglianza con la costellazione. Il centro principale è Fayaoué e si può visitare con delle biciclette affittate presso i Kanak, mezzo ideale per andare alla scoperta di quest’isola incantevole.

Isola di Ouvea, luoghi da visitare

La spiaggia di Mouli è un posto meraviglioso, dove potersi rilassare nelle acque cristalline, ma altre attrazioni dell’isola di Ouvea sono: la chiesetta di Saint Joseph di fianco alla scuola, le piantagioni di cocchi, le falesie di Lekine, le grotte di Cong Ouloup e la chiesa di Mouly, del 1896, nel sud; e ancora le falesie di Anawa, il Blue Hole, un’oasi verde in riva al mare con un diametro di 30 metri che comprende una piscina naturale e il lebbrosario d’Ognat nel nord. Sull’isola vi è anche un piccolo centro diving per noleggiare attrezzature e vivere esperienze uniche. L’isola ha vissuto momenti terribili nel 1988, quando si scatenò un massacro con la gendarmerie francese e rimasero uccisi 19 kanak, a cui è dedicato un memoriale che si può incontrare lungo la strada a circa metà dell’isola. La situazione a distanza di tanti anni è comunque migliorata e sull’isola vige una certa tranquillità.

Isola di Ouvea: immergersi nella vita dei Kanak

I Kanak sono popolazioni di origine melanesiana e probabilmente i primi abitanti della Nuova Caledonia. L’isola di Ouvea è dominata dalle loro tradizioni no è difficile immergersi, durante i giorni di vacanza, nella loro vita quotidiana. Alcune tribù hanno aperto alcuni alloggi per i visitatori, le stesse case tradizionali in cui vivono anche loro, caratteristiche e curiose per i turisti, ma molto apprezzate e ospitali. Vivere qui per qualche giorno sarà davvero un’esperienza unica!

Iscriviti alla newsletter di buonivacanza

e ricevi le Offerte Esclusive e Segrete dei Luoghi più Belli in Italia e nel Mondo


Acconsento al trattamento dei dati e all'utilizzo degli stessi
Accetto le Condizioni presenti sull'informativa Privacy come al punto pubblicità

Commenti